lunedì 24 giugno 2019

500 chicche di riso di Alessandro Pagani

500 chicche di riso
di
 Alessandro Pagani
recensione di
Maria Lucia Ferlisi

Ecco un libro ideale per chi è in partenza per le vacanze estive, tra la sabbia, il sole e il mare non si affrontano letture impegnative, ma storie leggere che ci facciano sognare o sorridere.

500 chicche di riso è indicatissimo, sono ben 500 frasi, ironiche, satiriche o semplicemente dei nonsense, in cui l'autore si diverte a guardare  questo mondo, con l'occhio critico di un umorista e come dice lui stesso " Il Pagani è portatore sano di sorrisi". 

Un libro da leggere sotto l'ombrellone con gli amici per poi fare un tuffo tra le acque cristalline, come il sorriso che ci lascia sulle labbra.

Le frasi volteggiano nel libro toccando anche l'assurdità e a volte anche provocando il lettore per fargli comprendere la realtà così demenziale che per prima sfiora l'assurdo, quasi in gara con la fantasia. 

 L'autore gioca con  i luoghi comuni. E i sorrisi si susseguono, a volte sono amari altre no, come la vita quotidiana, da cui trae spunto ad ampie mani; le situazioni ridicole o assurde che ritroviamo una dopo l'altra nel libro, come un cappello pieno di ciliegie che il lettore mangia una dopo l'altra.

Emergono chiari uno dopo l'altro, sorriso dopo sorriso i vizi e le virtù della nostra società.

L'autore non vuole solo farvi sorridere, il suo proposito e di farvi riflettere sulla società, soprattutto quella di oggi, lo fa nel suo modo usuale, sdrammatizzando, ma voi sapete che la satira e l'ironia sono modi per affrontare la realtà sbattendola in faccia nel modo più ridicolo, ma non per questo meno forte.
L'autore, ancora una volta,  si cimenta con le battute e ogni volta riesce a sorprenderci per la bravura nel presentarle al lettore.

Questa volta ha unito anche dei bellissimi disegni regalandoci altre chicche e per completare ci regala alcune battute..spaziali.

Che dire non ci resta che leggere e sorridere con 500 chicche di riso, ve ne anticipo qualcuna: 
45.«C’era parecchia gente al funerale?» «No, un mortorio.»169.«Fornaio, questo pane puzza!» «Per forza, è una ciabatta.»217.«Vorrei dei molluschi.» «Capesante?» «No grazie, sono ateo.»237.«Perché ti fai sempre prendere i barattoli di pomodoro dal commesso calvo?»«249.Tizio invita donna cinese a ballare. «Danza con me questa polka?» «Ma come si pelmette, blutto stlonzo?»Perché mi piacciono i pelati.»
297.Rocco Siffredi dall’androloga: «Dottoressa, mi devo spogliare?» «Non serve, andrò a memoria.»
407.«Nome?» «Ponzio Pilato.» «Faccia una firma qui.» «Ma io non so scrivere.»  «Allora metta una croce.»




Nei bagni di un raduno per single. «È libero?»
«No, occupato.» «Allora cosa è venuto a fare?»















Dimenticavo, una delle 500 frasi del libro è stata selezionata per l'agenda 2019  di Comix .




 SINOSSI:
Ogni nostra azione, atteggiamento o consuetudine si presta a diverse sfaccettature emblematiche. Nel contesto di quest'opera, l'autore ha  cercato di immaginare diverse situazioni surreali che possono scaturire durante i nostri piccoli e grandi avvenimenti quotidiani nel corso del lavoro, nel tempo libero, tra le notizie di cronaca e attualità, nelle nostre consuetudini, e più in generale nel corso di ogni situazione paradossale che ognuno di noi, spesso a propria insaputa, può improvvisamente trovarsi ad affrontare: momenti generati dal teatro dell'assurdo, da presunte coincidenze derivate dall'ambiguità d'una parola  dal fraintendimento d'una frase, o dalla verve 'tragicomica' ed inconsapevole dei protagonisti. E come il titolo richiama, tutto visto dall'alto con la leggerezza dello spettatore neutrale che osserva attraverso occhi distanti ma non distaccati, in una sorta di sospensione critica nei confronti delle nostre caratteristiche principali.

 Rifacendosi a maestri dell'umorismo quali Marcello Marchesi, Achille Campanile e Giovannino Guareschi, "Io mi libro", è una ginnastica per la mente ed un'esplorazione del lessico italiano in un caleidoscopio di lettere che si scambiano e si combinano come in un grattacapo enigmistico, oltre un piacevole riflettersi - dentro una prospettiva meno cupa -all'interno di un compendio ricco di significati allegorici.

Un modo diverso per smitizzare stereotipi e stemperare l'eccessiva serietà con cui l'uomo vincola la proprio esistenza, a dispetto del lato più brillante, goliardico, e virtuoso, che ognuno di noi porta dentro.
 A chiusura del libro, le classifiche personali dell'autore ed un breve racconto dedicato al sogno dal titolo "Breve raccorto onirico".

 BIOGRAFIA:

Alessandro Pagani, nato a Firenze nel 1964, è scrittore, musicista, operatore volontario a favore degli animali, ed impiegato presso l'Azienda  Sanitaria Fiorentina. Appassionato di letteratura e musica, ha fatto parte durante gli anni '80 del movimento artistico underground fiorentino "Pat Pat Recorder". 

Nel 1988 inizia un percorso come musicista con svariati gruppi tra i quali  Stropharia Merdaria, Parce Qu'Il Est Triste, Hypersonics, (con cui ha partecipato ad Arezzo Wave), Subterraneans, Malastrana e successivamente con i Valvola, assieme ai quali fonda nel 1997 l'etichetta discografica Shado Records, attiva fino al 2007. 

Attualmente è batterista del gruppo rock Stolen Apple, con il quale ha fatto uscire l'album di debutto "Trenches" a Settembre 2016. E' anche componente della giura del concorso di poesie "Daniela Pagani e Manuela Masi" patrocinato dal Calcit Chianti Fiorentino, ed un assiduo volontario del Canile Del Termine di Sesto Fiorentino (Fi).

 "Io mi libro", edito dalla casa editrice "96, Rue De La Fontaine" di Torino (una frase del libro apparirà anche sull'agenda Comix 2019), è la su  seconda pubblicazione dopo il manoscritto "Perché non cento?" stampato da Alter Ego/Augh di Viterbo (Aprile 2016), ed il libretto stampato in proprio del 2015 "Le Domande Improponibili".

2 commenti:

i miei blog preferiti

Buoni regalo Amazon

AMAZON PRIME

LISTA NOZZE SU AMAZON