lunedì 28 settembre 2020

Il quaderno dell'amore perduto di Valèrie Perrin


Il quaderno dell'amore perduto

di

Valèrie Perrin

recensione a cura di

Maria Lucia Ferlisi

Justine ha solo 21 anni vive a Milly, un piccolo paesino dell'entroterra francese, con i nonni e un fratello-cugino, i suo genitori sono morti in un incidente d'auto insieme con gli zii, quattro vite stroncate e loro due orfani sono cresciuti come fratello e sorelle, vincolo forte dettato anche dal fatto che i loro padri erano fratelli gemelli.

Il so sogno di lavorare in una casa di riposo si è avverato e presta servizio alle Ortensie dove ama ascoltare le storie raccontate dai degenti. Tra i tanti ospiti ama la storia d'amore e passione  di Hélène con Lucien, una storia d'amore, di attese, di passione travolgent e di forza. L'amore tra i due è stato interrotto dalla guerra, lui è stato deportato, ma lei è rimasta a Milly in attesa del suo ritorno e adesso che è chiusa in quell'edificio veve il mare e il gabbiano apparso quando incontrò per la prima volta.

Justine decide di comprare un quaderno azzurro dove inizia a trascrivere quella dolce storia d'amore dell'anziana che da una finestra immagina di vedere il mare e attende ancora il ritorno del suo amato. 

La vita di Jusitne è stata dura allevata da due anziani chiusi nel loro dolore dove tutto è rimasto fermo a quel tragico incidente, non parlano se non per piccole frasi di cortesia e quella freddezza è rimasta chiusa nel cuore della ragazza che nei fine settimana si abbandona al sesso con sconosciuti. Nella vita di Justine entra uno sconosciuto fisso, lo rivede sempre senza appuntamenti, nonsocomesichiama la trova sempre. Altre micro storie di sviluppano attorno alla vita semplice e fredda di Justine forse non deve indagare nella vita di Hélène, ma in quella della sua famiglia e forse il suo cuore potrà essere pronto per l'amore.

Dopo il successo del romanzo: “Cambiare l’acqua ai fiori” sla casa editrice Nord ha rispolverato il  primo romanzo di Valérie Perrin regalandoci un'altra storia  delicata e intima. L'abilità dell'autrice oltre alla scrittura pulita, essenziale e scorrevole sta nella capacità di raccontare più storie all'interno del romanzo, tante piccole microstorie che escono una dopo l'altra dal cappello magico della scrittrice. 

Ogni personaggio che ritroviamo nella narrazione ha una sua storia dolce o drammatica, ma ognuno di loro ha una sua vita che scorre nel testo. Il lettore rimane avvolto in queste storie e le legge avidamente, vive con loro e ne condivide i sogni, le speranze o le delusioni. Non è facile ma l'autrice riesce a sorprendere il lettore come in un giallo  ci rimanda a storie segrete, sentimenti interrotti, sogni spezzati, in un crescendo che immobilizza il lettore nelle pagine del romanzo. Una storia che ci riporta indietro nel tempo agli amori che durano per sempre, ai sentimenti che nessun evento avverso potrà spezzare via facilmente. 

Un romanzo consigliatissimo!

Scheda Libro

Autore: Valérie Perrin

Titolo: Il quaderno del amore perduto

Casa Editrice: Casa Editrice Nord

Pagine: 371

Per l'acquisto:

<iframe style="width:120px;height:240px;" marginwidth="0" marginheight="0" scrolling="no" frameborder="0" src="https://rcm-eu.amazon-adsystem.com/e/cm?ref=qf_sp_asin_til&t=lalettridicar-21&m=amazon&o=29&p=8&l=as1&IS2=1&asins=B01LWXZD8J&linkId=f8963b9bac0d55aaf96dedc6d3d4e427&bc1=000000&lt1=_blank&fc1=333333&lc1=0066c0&bg1=85e2f5&f=ifr"> </iframe>

Sinossi

La vita di Justine è un libro le cui pagine sono l’una uguale all’altra. Segnata dalla morte dei genitori, ha scelto di vivere a Milly – un paesino di cinquecento anime nel cuore della Francia – e di rifugiarsi in un lavoro sicuro come assistente in una casa di riposo. Ed è proprio lì, alle Ortensie, che Justine conosce Hélène. Arrivata al capitolo conclusivo di un’esistenza affrontata con passione e coraggio, Hélène racconta a Justine la storia del suo grande amore, un amore spezzato dalla furia della guerra e nutrito dalla forza della speranza. Per Justine, salvare quei ricordi – quell’amore – dalle nebbie del tempo diventa quasi una missione. Così compra un quaderno azzurro in cui riporta ogni parola di Hélène e, mentre le pagine si riempiono del passato, Justine inizia a guardare al presente con occhi diversi. Forse il tempo di ascoltare i racconti degli altri è finito, ed è ora di sperimentare l'amore sulla propria pelle. Ma troverà il coraggio d’impugnare la penna per scrivere il proprio destino?

Una storia delicata e commovente, un'autrice capace di descrivere con efficacia e tenerezza ogni sfaccettatura dei sentimenti: sono questi gli elementi che hanno conquistato la critica e che rendono Il quaderno dell'amore perduto un romanzo destinato a restare a lungo nel cuore di tutti i lettori che credono nel potere dei ricordi e dell'amore.

mercoledì 23 settembre 2020

Una notte al fashion di Lily Carpenetti

 

Una notte al fashion

 di

 Lily Carpenetti


Scheda Libro

Autore: Lily Carpenetti

Titolo: Una notte al Fashion

Pagine: 173

Casa Editrice: PubMe   (Collana Over the Rainbow) 

Sinossi

Il Fashion. Un locale fuori mano, luogo perfetto per incontri clandestini. Tutti lo conoscono, ma pochi ammettono di frequentarlo o di esserci passati vicino.

Michele e Christian si ritrovano lì, ognuno alla ricerca disperata di evasione. Michele, soffocato dalla provincia ristretta in cui vive, è costretto a tenere nascosti i propri gusti sessuali. Christian, intrappolato nel ruolo di figlio perfetto, è spinto a ricercare la trasgressione nei momenti liberi.


Il loro primo incontro si consuma in fretta nei bagni, famelico e urgente, tanto che Christian, confuso dall’alcool, è convinto di essere stato con una donna. L’amplesso tuttavia lascia loro addosso un’impronta impossibile da cancellare che li spinge a cercarsi ancora, lottando contro le proprie remore per trasformare una notte al Fashion in qualcosa di più.

martedì 22 settembre 2020

LA LIBERTÀ FIGLIA DEL DIAVOLO di Ilaria Vecchietti

 

Ciao a tutti lettori e lettrici

eccomi qui a consigliarvi l'ultimo romanzo della mia amica blogger e scrittrice Ilaria Vecchietti, prendete nota del romanzo e alla prima occasione non perdetevi di leggere il suo nuovo lavoro.

LA LIBERTÀ FIGLIA DEL DIAVOLO

di

Ilaria Vecchietti

Scheda Lettura

TITOLO: La Libertà figlia del Diavolo

AUTORE: Ilaria Vecchietti

EDITORE: Self publishing con Amazon

DATA DI PUBBLICAZIONE: 20 agosto 2020

GENERE: romanzo urban fantasy / mitologia

PREZZO CARTACEO: 12,00€

PREZZO EBOOK: 2,99€

NUMERO DI PAGINE: 336

LINK D’ACQUISTO:

https://www.amazon.it/Libert%C3%A0-figlia-del-Diavolo/dp/B08GFX5HNZ/ref=tmm_pap_swatch_0?_encoding=UTF8&qid=1599490486&sr=8-1

SINOSSI:

Una guerra tra le divinità dell’Olimpo continua da secoli, coinvolgendo anche i mortali nelle loro aspre battaglie.

Una profezia delle Moire annuncia la nascita di un eletto, la figlia della morte, che riporterà la libertà sulla Terra, liberando le varie razze dall’oppressione e dalla tirannia dei despoti olimpi.

Un viaggio nel tempo e nella mitologia, per scoprire la salvatrice. Avventure e peripezie per trovare gli oggetti magici e gli amici che l’aiuteranno nella battaglia contro i nemici.

Il tempo sta per scadere… l’apocalisse è iniziata!

ESTRATTO:

Fra qualche anno Stelle e Pianeti si allineeranno. Quello è il momento giusto per agire se la guerra si vuole finire. Tempo per procedere ne avrai a iosa, quindi prepara la tua banda mostruosa. Zeus lo aveva detto: per vincere la guerra ci vuole un figlio prediletto. Se nella guerra vuoi trionfare un figlio anche tu dovrai procreare. Il tuo sogno di libertà con lui si avvererà. Tuo figlio dovrà nascere da un grembo mortale se vorrai una forza micidiale. La tua sposa rossa di capelli sarà, così un erede coraggioso ti darà. Occhi azzurri dovrà possedere, così tutti lo potranno temere. Nella guerra tuo figlio da solo non sarà, perché amici leali al suo fianco avrà. Gli elementi che hai sempre protetto nella guerra aiuteranno il tuo figlio prediletto. Quattro prescelti dalla natura lo difenderanno in questa guerra senza paura. I cavalieri degli elementi tuo figlio dovrà cercare, ma un piccolo aiuto gli vogliamo dare. Un cristallo molto particolare tu dovrai scovare. Con il suo grande potere tuo figlio i cavalieri riuscirà a vedere. La ricerca del cristallo sarà difficile assai, ma sappi che dimora dove il fuoco freddo non dorme mai. I cavalieri della natura cercati andranno nei luoghi in cui i loro templi sorgeranno. Inoltre i cavalieri dopo l’investitura, sulla fronte, porteranno il segno della natura. Il cristallo a tuo figlio dovrai consegnare, perché solo lui la sua magia saprà usare. Ma ricordati Dio della morte, non sfidare la sorte. I patti stabiliti rispettati andranno, se no gli uomini in catastrofe finiranno. La tua parola ci hai dato, ora va e segui il fato.

BIOGRAFIA:

Ilaria Vecchietti è nata il 19 Agosto 1988 in provincia di Vercelli, nella bella Valsesia, una lunga vallata percorsa dal fiume Sesia fino ai piedi del Monte Rosa.

Diploma di Ragioniere e Perito Commerciale, Laurea in Scienze dell’Amministrazione e Consulenza del Lavoro con una tesi in Diritto Penale del Lavoro.

Grazie a sua mamma è cresciuta in mezzo ai libri. Fin da piccola, quando le raccontava le fiabe, ha fatto in modo che si appassionasse alla lettura.

Legge diversi generi, ma il suo preferito è il fantasy, in tutte le sue sfumature.

Ha scoperto per caso che le piace anche scrivere, e da quando l’ha scoperto non si è più fermata nell’inventare storie e avventure.

Il suo romanzo d’esordio è L’Imperatrice della Tredicesima Terra (2016), edito Aletti Editori.

Si tratta di un fantasy autoconclusivo dove la protagonista, oltre salvare il suo mondo, deve ritrovare se stessa.

Da giugno 2016 ha aperto un blog letterario dal nome Buona lettura, dove pubblica principalmente recensioni dei libri che legge, ma non solo, segnala le nuove uscite (sia da parte di case editrici e sia di autori esordienti autopubblicati) e anche eventi librosi o interviste.
A luglio 2017, in collaborazione con Claudia Piano (autrice di molti romanzi, fra cui spicca 
Armonia Saga) e altri autori, ha pubblicato una raccolta di racconti fantasy facente parte del mondo di Armonia Saga, dal titolo Un giorno ad Armonia, (il suo racconto si intitola: La Sinfonia Incatenante).

Il racconto prende in prestito i personaggi inventati da Claudia e li porta in un mondo nuovo.

A novembre 2017 pubblica tramite Amazon il secondo romanzo fantasy: L’Isola dei Demoni.

Un'altra storia autoconclusiva dove le vite di vari personaggi si intrecciano e, superando il loro passato, dovranno salvare la loro terra.

A luglio 2018, sempre in collaborazione con Claudia Piano, esce la seconda raccolta di racconti fantasy Un giorno ad Armonia – Vol. 2 (il suo racconto si intitola: La Valle del Tempo Perduto).

Prendendo ancora in prestito i personaggi della saga di Armonia, Ilaria li coinvolge in una ricerca miracolosa per salvare il mondo della Musicomagia.
A marzo 2019 pubblica il breve racconto 
L'ultima chance…, il primo racconto di Ilaria che si discosta totalmente dal genere fantasy da lei prediletto e si avvicina al romance, sotto forma prevalente di un lungo monologo della protagonista, anche se il finale appartiene alla fantascienza apocalittica. Il tema principale rimane in ogni caso l’amore che vince su ogni cosa.
A settembre 2019 torna a pubblicare un racconto nella raccolta 
Un Giorno ad Armonia - 2019 a cura di Claudia Piano (il suo racconto si intitola: Dove sono finiti i colori?).
Questa volta i personaggi creati da Claudia arriveranno fino al centro dell'Universo per cercare i
 colori.
A febbraio 2020 partecipa al concorso letterario '
Le più belle frasi d'amore' organizzato da M&L. Il suo racconto L'invito vince il primo premio nella categoria Amore Classico - Prosa - Racconto, e viene pubblicato nella raccolta omonima, edita M&L.
Un racconto dalle sfumature romantiche e malinconiche.
A maggio 2020 partecipa a un altro concorso letterario '
Racconta il Giappone' e il suo racconto Il fiore del destino viene selezionato per essere inserito nella raccolta di racconti Cinquantatré vedute del Giappone, edita Idrovolante Edizioni.

A fine agosto 2020 esce il suo terzo romanzo La Libertà figlia del Diavolo, un urban fantasy con un mix di mitologia e non solo!

La sua mente è sempre al lavoro e presto arriveranno nuovi romanzi e racconti!




lunedì 21 settembre 2020

PREMIO LETTERARIO NAZIONALE E INTERNAZIONALE -“ SCRITTORI SOTTO RIFLETTORI” – 2020

Carissimi amici scrittori e scrittrici

ormai da tempo mi piace cercare concorsi che possano suscitare la vostra vena artistica.

Questo concorso prevede la pubblicazione del proprio elaborato in una antologia.

Scade il 30 ottobre ed è gratuito.

Leggetelo e se lo trovate interessante partecipate.
Da parte mia il solito: In bocca alla penna.


PREMIO LETTERARIO NAZIONALE E INTERNAZIONALE -“ SCRITTORI SOTTO RIFLETTORI” – 2020


Organizzatore: Casa Editrice CentoVerba

–  2° edizione  –

Scadenza: 30 ottobre 2020

– iscrizione gratis –

Indirizzo: Casa Editrice CentoVerba viale Vittorio Falzoni Gallerani,6

Cento(FE) CAP 44042 Indirizzo e-mail: centoverbaeditrice@gmail.com

Art.1 – Il Premio si articola in tre sezioni:

A – Poesia inedita in lingua italiana per la poesia dialettale è obbligatorio allegare la traduzione  italiana.

Per gli stranieri residenti in Italia o all’Estero: nel caso di poesie scritte in lingua straniera è obbligatorio allegare  traduzione in lingua italiana.

B – Poesia breve –    haiku, tanka, ecc e tutti gli altri  generi di poesia breve.

C – Narrativa ineditanarrativa breve.

Art.2 – Si accettano soltanto le opere inedite scritte in lingua italiana – o accompagnate di traduzione in lingua italiana – che non abbiano vinto e non sono segnalate in altri concorsi. (Sono da considerarsi inedite anche le opere pubblicate in rete: Facebook, Twitter, Google Plus, siti vari), purché gli autori ne siano in pieno possesso di tutti i diritti.

Art.3 – Come partecipare al Premio Letterario Nazionale e Internazionale-  “Scrittori Sotto Riflettori”:

Possono partecipare al concorso residenti italiani e di tutte le nazionalità, anche i cittadini di altri paese UE  che abbiano già compiuto i 18 anni di età.

La partecipazione è gratuita.

Le iscrizioni si chiudono alla mezzanotte del 30 ottobre 2020.

Per poesie – ogni autore può partecipare con una  poesia fino a un totale di 50 righe  spazi inclusi.

Per poesie breve – si deve inviare minimo 4 poesie.

Per narrativa – ogni autore può partecipare con un brano di massimo 70 righe ( 3000 di battute) spazi inclusi, formato A5( 14,5×21). Se l’opera in concorso supera 70 righe – com’è previsto, saranno considerate valide solo le prime 70 righe.

Le opere devono inviate  in SINGOLA copia (file UNICO format WORD, NON formato PDF) accompagnato solo di dati anagrafici (di nascita e indirizzo di  residenza), indirizzo email, recapito telefonico.

È obbligatorio inviare con l’opera la seguente dichiarazione completa:“Autorizzo l’uso dei miei dati personali ai sensi dell’art. 13 D.L. 196/2003 e successive modifiche, in ottemperanza al GDPR regolamento U.E. 679 del 2016″ (la casa editrice utilizzerà i suoi dati solo ed esclusivamente per l’invio di informazioni culturali, e si impegna a non cederli MAI a terzi). Dichiaro di aver preso visione del bando del concorso  e di accettare il regolamento.”

TUTTO IN UNICO FILE WORD!

Ogni opera non deve superare i  50 righe per poesia, o 70 righe per narrativa.

Art.4 – L’iscrizione al Premio comporta la piena accettazione del bando – anche la partecipazione ed aquisto di minimo una copia dell’antologia, in caso di selezione.

SI DEVE INVIARE VIA MAIL LA OPERA INEDITA E DATI ANAGRAFICI DI AUTORE – TUTTO IN FORMATO (ALLEGATO) WORD SPECIFICANDO IL NOME DEL CONCORSO (Scrittori Sotto Riflettori)  A:

centoverbaeditrice@gmail.com

Art.5 – Gli elaborati  INEDITI dovranno pervenire  ENTRO E NON OLTRE  30 ottobre 2020 – TRAMITE EMAIL. E dovrà contenere pena l’esclusione – DATI AUTORE(SOLO DATI ANAGRAFICI, SENZA BIOGRAFIA),  OPERA( poesia o narrativa)  IN CONCORSO e LA DICHIARAZIONE COMPLETA!

La casa editrice CentoVerba non sarà responsabile di eventuali disguidi e/o ritardi né del mancato reperimento dei partecipanti al Concorso per eventuali comunicazioni.

Art.6 – Le mail  che perverranno incompleti e/o diversamente da come riferito nell’Art. 5 non verranno ammessi al Premio.

Art.7 –I PREMI: – tutti i premi saranno inviati online (stampabili).

La fianlità del concorso è l’antologia con le più belle opere – anche  interviste ai primi vincitori – del Premio Letterario “Scrittori Sotto Riflettori”(Art.11).

Il Titolo di VINCITORE ASSOLUTO ( un titolo per poesia e uno per narrativa) – e TARGA CON MOTIVAZIONE CRITICA e INTERVISTA che sarà pubblicato nell’Antologia del Premio e sui vari siti e riviste letterarie e altri canali di promozione online – uno per la sezione di poesia e uno per la sezione di narrativa.

I premi per ogni sezione( A; B; C):

1°, 2° e 3° – Diploma relativo al premio con titolo di Eccellenza e INTERVISTA

Dal 4° fino al 10° – MENZIONI D’ONORE con titolo di Eccellenza

IL PREMIO SPECIALE DELLA CRITICA LETTERARIA e altri PREMI SPECIALI.

Tutti gli autori scelti in antologia riceveranno DIPLOMA DI ECCELLENZA!

Il vincitore assoluto e primi 3 premi  per la sezione poesia e per la sezione narrativa – riceveranno un’intervista con 6 domande: le risposte alle domande e la opera letteraria(o solo un brano dell’opera) – forse anche una fotografia – non devono superare 3 pagine formato A5 – 14,8x 21, font 12, spazi inclusi.

Le interviste saranno inoltre pubblicate sui vari siti e riviste letterarie.

Tutti gli attestati e diplomi saranno inviati online(stampabili) tramite email. Alla domanda, si pùo inviare anche il diploma cartaceo a pagamento e alle spese dell’autore – .

La classifica sarà  pubblicata intorno a 60 giorni dopo la fase di selezione per l’antologia – sui SITI DI RIFERIMENTO E PAGINE SOCIAL DI CASA EDITRICE CENTOVERBA – SITO INTERNET DI CASA EDITRICE CENTOVERBA E GRUPPO FACEBOOK DEL PREMIO, facebook di Gabriela Verban  e sul sito nazionale scrittorisottoriflettori.wordpress.com,  concorsiletterari.net  e su altri canali di promozione online.

Art.8 – Gli autori, per il fatto stesso di partecipare al concorso, cedono agli Organizzatori – Casa editrice CentoVerba –   il diritto di pubblicazione sul sito Internet della casa editrice  e su Antologia del Premio ( stampata e anche ebook) senza aver nulla a pretendere come diritto d’autore. I suddetti, inoltre, sollevano gli stessi Organizzatori da qualsivoglia responsabilità e conseguenza pregiudizievole derivante da domande e/o pretese azioni formulate ed avanzate in qualsiasi forma, modo e tempo, anche per quanto riguarda il titolo dell’opera. I diritti rimangono comunque di proprietà dei singoli Autori.

Art. 9:
Nessun elaborato sarà restituito.

Art. 10:

La giuria sarà presieduta dall’editore di CentoVerba – Gabriela Verban, scrittore FUIS (poetessa, saggista e critico letterario).   La Casa Editrice renderà noti i risultati del Premio tra due mesi circa dopo la fase di selezione per antologia. È a carico dei partecipanti l’onere di informarsi circa tutti gli aggiornamenti e/o eventuali variazioni concernenti il Premio, attraverso la periodica consultazione del sito della Casa Editrice CentoVerba, gruppo facebook Concorsi e Premi letterari della Casa Editrice Centoverba, facebook di Gabriela Verban e siti nazionali scrittorisottoriflettori.wordpress.com,  concorsiletterari.net   o tramite e-mail a centoverbaeditrice@gmail.com.

La Casa Editrice CentoVerba non potrà dirsi in alcun caso responsabile per una mancata comunicazione.

LE DELIBERAZIONI DELLA GIURIA SONO INSINDACABILI E INAPPELLABILI.

Art. 11:

ANTOLOGIA: SCRITTORI SOTTO RIFLETTORI

Alla fine della scadenza del concorso, le più belle opere del premio(finaliste e semifinaliste) verranno pubblicate in un’antologia del premio in edizione cartaceo.

L’antologia sarà distribuita attraverso tutte le principale librerie online : Amazon, LaFeltrinelli, Ibs, Bol, Wuz, Deastore, Webster, Libreria universitaria, Unilibro, Macrolibrarsi e Il Giardino del libri, Youcanprint, Mondadori e altre 40 – 50 book store.

In questo modo, i migliori scrittori partecipanti al concorso, possono avere una  eccellente visibilità e, certo, una ottima promozione.

condizioni per antologia:

Ad ogni autore saranno assegnate 2 pagine in formato A5(14,8 x 21) – massimo 70 righe con spazi inclusi -: l’opera e una fotografia(se l’autore desidera). L’antologia sarrà pubblicata in bianco-nero.

Il costo del volume è di 13 euro + 1,50 euro per spese di spedizione.

Per chi desidera  3 copie o di più – il prezzo sarà di 10 euro/ copia + 1,50 spese di spedizione. 

I libri saranno spediti tramite Posta con Piego Libri semplice:  autori che vogliono ricevere la busta raccomandata devono pagare le spese – 5 euro. Queste spese di spedizioni sono solo per Italia.

Per chi desidera diploma cartaceo – 5 euro.

Art. 12:
La partecipazione al Premio e l’invio DEL MATERIALE al Concorso implica l’automatica accettazione del presente bando e, in caso di scelta tra le più belle opere, l’accordo di partecipare all’antologia con un acquisto di  minimo 1 libro. La mancanza a una sola delle condizioni che regolano la validità dell’iscrizione determina l’esclusione dalla partecipazione al Premio.

N.B. I libri ordinati vengono pagati prima della finalizzazione e prima di pubblicare la classifica. La mancanza del pagamento (in conformità con il regolamento) – determina l’esclusione dalla partecipazione al concorso  e all’antologia.

Tutte le informazioni relative a questo concorso – solo online (non per telefono) all’indirizzo e-mail:

centoverbaeditrice@gmail.com

Art. 13:
Tutti i partecipanti al Premio Letterario Internazionale saranno costantemente aggiornati sulle eventuali modifiche e comunicazioni da parte dell’Organizzazione attraverso posta elettronica personale, visitando LE PAGINE SOCIAL DI CASA EDITRICE CENTOVERBA, GRUPPO FACEBOOK Della CASA EDITRICE CENTOVERBA e FACEBOOK di GABRIELA VERBAN.

Art. 14:

Tutela dei dati personali. Ai sensi del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” e successive modifiche, la Segreteria organizzativa dichiara, ai sensi dell’art. 13, “Informativa resa al momento della raccolta dei dati”, che il trattamento dei dati dei partecipanti al concorso è finalizzato unicamente alla gestione del premio e all’invio agli interessati dei bandi degli anni successivi. Nel rispetto del Regolamento UE n. 679/2016 e per riflettere le modifiche a seguito dell’entrata in vigore del GDPR del 25 maggio 2018 L’Organizzazione  deterrà gli indirizzi di posta elettronica dei partecipanti e degli associati e li conserverà in modo sicuro utilizzandoli esclusivamente per inviare informative sulle attività eseguite e sugli eventi programmati assicurando che in nessun caso i dati saranno ceduti a terzi; dichiara inoltre, che con l’invio dei materiali letterari partecipanti al concorso l’interessato acconsente al trattamento dei dati personali.

Per qualsiasi altra informazione scrivere a centoverbaeditrice@gmail.com

 

mercoledì 16 settembre 2020

Anna Banti, scrittrice

Anna Banti

(1895-1985

Anna Banti, pseudonimo di Lucia Lo Presti nacque a Firenze il 27/06/1895 e morì il 02/09/1985.


Laureata in Storia dell'Arte abbandono gli studi per dedicarsi alla narrativa e agli studi a personaggi femminili del passato. 

Dobbiamo a Anna Banti le ricerche su Artemisia Gentileschi riportando alla luce una pittrice fortemente provata dalla vita.

Sposata con il suo professore d'Università e grande Storico dell'arte Roberto Longhi, insieme fondarono la rivista PARAGONE dedicata all'arte e alla narrativa, dividendosi le due parti per la pubblicazione dei saggi o approfondimenti. 


I romanzi di anna parlano di donne alle donne, donne forti che lottano per affermarsi, si può affermare che ha condotto una sorta d'indagine sulla condizione femminile, scavando nei personaggi del passato e del presente. Nei romanzi ha sempre cercato di far emergere le difficoltà delle donne in un mondo maschile, e in quest'ottica ha tratto dagli archivi del passato personaggi femminili per farli rivivere e portarle in luce, lottando contro gli stereotipi che le voleva relegare nel buio di cassetti polverosi e farle risplendere della loro vera luce senza più alcuna sottomissione e oblio all'arte maschile.

Ricordiamo alcuni titoli dei suoi tanti romanzi

Itinerario di Paolina, 1937, una sorta di autobiografia.

Il coraggio delle donne, 1940 52 racconti sulla condizione femminile.

Le monache cantano, 1942, altra serie di racconti al femminile.

Artemisia, 1947.


Le donne muoiono, 1951

Il bastardo, 1953

Allarme sul lago, 1954.

Nel 1972 fu la prima scrittrice a ricevere il prestigioso  Premio Bagutta per il racconto Je vous écris d’un pays lointain

Seguirono altri racconti,  saggi e traduzioni tra cui molte opere di Virginia Woolf.

Le donne raccontate nei suoi libri sono donne reali tratte dalla storia e riportate in luce attraverso la sua grande abilità nell'intreccio delle parole.

Non si è mai definita femminista, non amava gli estremismi esplosi negli anni settanta, ma le sue opere riflettono i cambiamenti del tempo.

Fu amica di Sibilla Aleramo. Fu anche amica della Bellonci, ma costei l'allontanò dal cerchio letterario in quanto la riteneva troppo schiva e incapace di gestire un dialogo per apportare benefici al Premio Strega.




Grazie a Wikipedia e alla libreria delle donne per le notizie lette.


mercoledì 9 settembre 2020

UN TÈ CON MR DARCY Tutta la magia dei veri tea party inglesi a casa vostra

 

UN TÈ CON MR DARCY
Tutta la magia dei veri tea party inglesi a casa vostra

Collana Food District - pp. 175 - € 17,50



Pizzi, merletti, balli ottocenteschi, tè al bergamotto e letture appassionate sono il vostro sogno proibito? Se la risposta è sì, avete tra le mani il ricettario giusto. Tra queste pagine troverete il fascino intramontabile del periodo della Reggenza, l’eleganza dell’epoca vittoriana e tutto il romanticismo di uno stile di vita dorato, fatto di conversazioni gar­bate, danze coinvolgenti, tazze fumanti, modi gentili da dandy, cavalleria e incontri conviviali. Cene, feste e tè sono sempre stati momenti chiave nei romanzi Regency. Un rito che ha avuto inizio nel 1662, quando in Inghilter­ra governava Cromwell, che, divenutone un grande estimatore in Olanda, importò il tè in patria. L’abitudine di berlo ben presto si tramutò in moda, e il tè diventò la bevanda nazionale inglese. 


Il rito pomeridiano delle cinque fu lanciato da Anne Mary Stanhope, duchessa di Bedford, nel 1840, in epoca vittoriana. Un viaggio nella storia del tè e soprattutto nel suo “gusto”, con tante ricette dolci e salate, consigli per organizzare veri tea party, ma anche indicazioni di costume e di galateo. Uno strumento perfetto per trasformare un momento di relax in una vera esperienza, imperdibile se avete una natura romantica, se amate l’idea di condividere con gli amici del raffinato tè all’in­glese. Per fare un salto indietro nel tempo in un sorso.

 
SILVIA CASINI
Dopo la laurea in Lingue e Letterature Straniere, ha ricoperto il ruolo di project manager presso l’Istituto Internazionale per il Cinema e l’Audiovisivo dei Paesi Latini di Gillo Pontecorvo e Sandro Silvestri. Si è occupata di relazioni internazionali e della pro­mozione dei film italiani all’estero. Fra i suoi libri ricordiamo Il gusto speziato dell’amore (Leggeditore, 2018) e L’astro narrante (Fanucci, 2019).
RAFFAELLA FENOGLIO
Autrice del foodblog Tre Civette sul Comò e appassionata di letteratura per ragazzi, ha pubblicato fra gli altri Indice glicemico (Gribaudo, 2018) e Gala Cox e i misteri del viaggio nel tempo (Fanucci, 2014).
FRANCESCO PASQUA
Autore e sceneggiatore, ha scritto Soltanto uno scherzo, interpretato da Maurizio Crozza e Countdown, interpretato da Carla Signoris e Ambra Angiolini, entrambi per la regia di Max Croci. Nel 2018 ha curato in qualità di story editor il film Copperman, per la regia di Eros Puglielli. Ha pubblicato il romanzo Fuoritempo (Porto Seguro, 2020).



La vita altrove di Guadalupe Nettel

 La vita Altrove di Guadalupe Nettel Impressioni di Maria Lucia Nel libro di Guadalupe Nettel sono racchiusi otto racconti. Otto storie il c...

Informazioni personali

La mia foto
Lettrice accanita, scrittrice irregolare, gestisco un blog, una pagina ed un gruppo sempre con lo stesso nome: La Lettrice di carta. Amo i personaggi femminili e maschili tormentati, quelli che hanno un passato duro da raccontare, ma da buona lettrice non disdegno altri generi letterari. Non credo che possa esserci un libro brutto, ogni romanzo troverà sempre il suo lettore a cui la storia piacerà. Il mio romanzo preferito: Storia di una capinera di G. Verga.