Passa ai contenuti principali

L'ultimo sorriso di Alfonso Pistilli

L'ultimo sorriso 
di
Alfonso Pistilli
recensione di 
Maria Lucia Ferlisi
Alessandro Cocco è un ragazzo che ancora non ha trovato una giusta collocazione nella vita, soprattutto quella lavorativa. Si barcamena con un lavoro di vendita porta a porta di vacanze esotiche, ed è diventato esperto nel collezionare porte chiuse. Colleziona anche incitazioni e improperi dai familiari che aspettano che si decida a trovare un lavoro vero.
Io invece, ero il classico tipo inconcludente, che aveva riempito di delusioni la vita dei propri cari e cercava di recuperare col suo essere accondiscendente.

Ha una fidanzata che conosce dai banchi di scuola ed ha il suo stesso nome Alessandra.
Durante uno dei suoi vani tentatici di venditore porta a porta di sogni vacanzieri, conosce Halina, una splendida escort dalle gambe snelle e muscolose, dai capelli biondo cenere con la quale inizia una piacevole amicizia. La sua vita monotona e precaria ha un sussulto. 
Ma  Halina, la bella escort, muore all'interno del suo appartamento, quello dove si sono conosciuti e dove lei riceveva i clienti.
Alessandro non comprende come possa essere successo, s'intrufola nell'appartamento durante l'intervento della polizia e della scientifica, spacciandosi per un operatore delle pompe funebri.
Scopre che la ragazza si è suicidata. Non accetta quella apparente verità. Avevano passato dei bei momenti insieme, le aveva confidato di avere un grande amore che presto l'avrebbe tolta da quella vita, per ricominciare da zero, insieme. Non può essere vero. Un tormento adesso affligge la sua mente, come un martello,  le immagini della ragazza s'intersecano con il suo corpo senza vita. Va anche al funerale di Halina vi sono poche persone, tre donne, forse escort, come lei e in un angolo buio della Chiesa vi è lui che saluta per l'ultima volta la sua amica.

Che mi dici? Novità? Come stai?»«Sai, sei la prima che me lo chiede. Come sto non so dirtelo, ho anche chiuso con la mia ragazza. Ho pensato che tornare alla routine del lavoro e dei miei interessi mi avrebbe aiutato, e devo dire che per un po’ è andata così, anche se spesso mi capita di guardare la vita come se fossi solo uno spettatore. Tu invece?»«Anch’io mi sono dedicata ai miei impegni, era il modo migliore per non pensare a questa brutta vicenda.»«Sai, ho riflettuto molto sul motivo per cui Halina possa aver compiuto un gesto così, ma credimi, non sono ancora riuscito a trarre una spiegazione. Possibile che non mi fossi accorto del suo stato? Ma sono davvero così incapace con le donne?»

Viene avvicinato da Suela, escort anche lei, tra loro si stabilisce un'amicizia e entrambi si scambiano ricordi e notizie della donna. Anche Suela si convince che non è stato un suicidio ma un omicidio vero e proprio. Alessandro mette da parte quel lavoro che non lo soddisfa e scopre una vena investigativa che da slancio e vitalità alla sua figura. Sul fronte amoroso è un disastro la sua relazione con la fidanzata storica entra in crisi.
Alessandro ha un cambiamento che da una sferzata alla sua monotona vita di precario, sa ricostruisce con cura e precisione il puzzle della vita e delle amicizie di Halina.
Alessandro è davvero bravo in questo nuovo ruolo, le sue doti comunicative sono disastrose, ma l'intuito e l'analisi dei vari elementi che raccoglie per la ricerca della verità, sono al pari di un abile detective.
Mi sono sempre domandato come facesse il ragazzo di Halina, ma solo ora mi rendo conto che lei sapeva cosa voleva. Ha sempre protetto la sua storia e il suo ragazzo da quella vita, non ha mai rivelato chi fosse, chiudendo la faccenda con il solito “è uno in vista, non posso dirti chi è, almeno finché non mi convince a scappare con lui”, detto con il sorriso stampato sulle labbra sempre lucide, come la fronte imperlata di sudore dopo una corsa. A quanto pare altrettanto aveva fatto anche con la nostra amicizia, tenendola nascosta anche alla sua amica Suela.

Cerca, scava, indaga e scopre lentamente verità e segreti nella vita di Halina, del suo amore segreto, ma anche dell'ambiente dei suoi frequentatori; ed ecco che lo scenario cambia, si ribalta e la verità esplode .... Calcio e coca si mescolano e ci mostrano un lato squallido della città in cui vive...

L'autore Alfonso Pistilli esordisce con un romanzo dal sapore poliziesco. La trama è lineare, ben costruita, mentre la scrittura pulita e precisa ci conduce nel mistero di un ambiente conosciuto, ma che offre a volte dei risvolti poco chiari.

 L'autore sa mescolare bene lo scenario per portarci alla soluzione differente da quella che potevamo immaginare, lo fa con calma, con lo stile dei vecchi poliziotti, basandosi sull'indagine ed interrogatori per comprendere la personalità dei personaggi che compongono la storia.
Scheda libro
Autore: Alfonso Pistilli
Titolo: L'ultimo sorriso
Casa editrice: PubGold

Sinossi
Tutti noi cerchiamo un sorriso in ogni angolo della vita, e talvolta lo troviamo laddove è impossibile. Alessandro Cocco, giovane venditore di vacanze a porta a porta, l’ha trovato in Halina, escort lituana trasferitasi a Bari, con la quale ha una profonda amicizia.   Quando, al telegiornale, Alessandro apprende della sua morte, non vuole crederci, soprattutto dopo essere venuto a sapere che per la Scientifica si è trattato di suicidio.   Conosceva davvero così poco la sua amica?   O c’è dell’altro

Commenti

Post popolari in questo blog

Il male oscuro di Giuseppe Berto

Il male oscuro di Giuseppe Berto
recensione a cura di 
Maria Lucia Ferlisi

il padre di Giuseppe Berto è gravemente ammalato è in procinto di entrare in sala operatoria per capire ben le origini del suo male, probabilmente un tumore. Il figlio parla con il primario, un noto luminare, per chiedergli di risparmiargli ulteriori dolori, vista anche l'età.

L'autore non è arrivato da solo, è in compagnia di una vedova, francese, e con lei dorme in una stanza d'albergo. Questo suscita ulteriore dolore alle sorelle ed alla madre, oltre alle lacrime versate per il marito le tocca aggiungerne altre per la spudoratezza con cui lui, unico figlio maschio, li mette in una posizione di vergogna per una convivenza senza matrimonio.

Nascono in lui ulteriori dubbi e tormenti.

Si pente della richiesta fatta al medico, e lo prega, in un altro colloquio, di donargli ancora ulteriori anni di vita. 

Affronta anche un viaggio a Venezia, in giornata, con la vedova francese, fatica a sopportarne la presenza…

I 5 finalisti al Premio Strega 2019

Ecco i nomi dei cinque autori finalisti al premio strega: Benedetta Cibrario, Marco Missiroli, Claudia Durastanti, Nadia Terranova, Antonio Scurati.
Molti di voi non saranno d'accordo sulla scelta. Per poter essere obiettivi bisognerebbe leggere tutti il romanzi in gara, impresa non facile, sia per il tempo, ma anche, diciamolo, per l'impegno economico, 25 libri da comprare.... Ma ho sempre fiducia nel giudizio della giuria dei lettori e mi auguro che le scelte siano sempre fatte con grande rispetto verso gli altri lettori.
Io non ho ancora letto nessuno dei  libri dei finalisti, ma sicuramente metto in lista come letture estive: La straniera di Claudia Durastanti e Addio fantasmi di Nadia Terranova., mi piace la sinossi dei loro romanzi.
Voi invece cosa leggerete?  Buona giornata amici ed amiche lettori.






Anime scalze di Fabio Geda

ANIME SCALZE DI FABIO GEDA
recensione a cura di Ferlisi Maria Lucia 






Ercole ha solo 15 anni, la vita non gli ha ancora regalato nulla, se non l'amore della sorella.

Il padre vive ai margini della legalità, si arrabatta come può per racimolare qualche soldo, questo comprende anche qualche furtarello.

La madre, drogata e senza più aspettative, è andata via senza salutare, o, indicare dove andasse, lasciando non solo il marito, ma anche i due figli ancora piccoli, a cui non aveva più niente da offrire. Ai due  figli sarebbe bastato un po' d'affetto, non volevano altro, non erano pretenziosi, tutt'altro, docili, silenziosi e autosufficienti già da piccolissimi.

Il ragazzino non sa che esistono famiglie unite, non sa cosa vuol dire casa, non conosce l'affetto paterno o materno. Lui è solo, come la sorella, in questa città, dove vive ai margini della povertà.

Ercole ed Asia sono due esseri invisibili per la società, consumistica in cui tutti viviamo..

abitavamo all&…