Passa ai contenuti principali

Tutti i nomi del mondo di Eraldo Affinati.

Carissimi amici ed amiche del blog
ho appena pubblicato sul sito di Cultura al femminile la recensione di un libro che vi invito a leggere:
 Tutti i nomi del mondo di Eraldo Affinati. 
Il romanzo è la raccolta di 26 storie di vita, di persone, di nomi che l'autore, professore, ha incontrato lungo gli anni.

Adesso ha sentito il bisogno di comprendere il riscontro di questi incontri e lo fa chiedendo alle persone il significato del loro incontro nel percorso di vita.
Questo è il link per leggere la recensione:
http://www.culturalfemminile.com/?p=27196&preview=true


Scheda libro
Autore: Eraldo Affinati
Titolo: Tutti i nomi del mondo
Casa Editrice: Mondadori
Sinossi
Fare l'appello delle persone che abbiamo incontrato nella nostra vita, capire in quale senso sono state importanti e perché hanno lasciato un marchio indelebile: l'insegnante protagonista di questo romanzo compie un gesto consapevolmente rischioso che tuttavia lui sente necessario, quasi ineludibile. Ad accompagnarlo nell'impresa, con l'ingenua volontà di proteggerlo, per fortuna c'è Ottavio, suo ex alunno ripetente che si esprime soltanto in romanesco.
Rispondono ventisei nomi, quante sono le lettere dell'alfabeto: individui provenienti da ogni parte del mondo, giovani profughi, antichi amici dispersi, nonni paterni e materni, adolescenti pieni di speranza, a volte sventurati. Alcuni, sopravvissuti a guerre e carestie, vivono fra noi; altri, che lasciano intravedere, insieme a un passato lancinante, vicende legate alla storia della Resistenza italiana, parlano da un oltre. Gli interlocutori, convocati al Colle Oppio di Roma, registrano la loro presenza in una scuola di lingua per immigrati, chiamata Penny Wirton, dove frattanto continua a scorrere tumultuoso il fiume d'umanità dolente che tutti ben riconosciamo. Ognuno racconta l'avventura in cui è impegnato. Ne scaturisce un'originalissima riflessione corale sull'epoca che stiamo attraversando, scrutinata nel filtro di un'esperienza intima e personale.
Eraldo Affinati, con questa sorprendente Spoon River, imbastisce un processo autobiografico e collettivo sui temi che sin dall'inizio hanno contraddistinto, come un filo rosso, la sua opera inconfondibile: libertà, responsabilità, educazione, giustizia, valori etici, religiosi e politici. Ma stavolta, scoprendo le ragioni profonde della propria vocazione pedagogica e letteraria, non può evitare di subire il controfagotto, comico e caustico insieme, del suo allievo preferito: il solo, forse, in grado di consegnargli alla fine la vera risposta che lui desiderava.



Commenti

Post popolari in questo blog

Il male oscuro di Giuseppe Berto

Il male oscuro di Giuseppe Berto
recensione a cura di 
Maria Lucia Ferlisi

il padre di Giuseppe Berto è gravemente ammalato è in procinto di entrare in sala operatoria per capire ben le origini del suo male, probabilmente un tumore. Il figlio parla con il primario, un noto luminare, per chiedergli di risparmiargli ulteriori dolori, vista anche l'età.

L'autore non è arrivato da solo, è in compagnia di una vedova, francese, e con lei dorme in una stanza d'albergo. Questo suscita ulteriore dolore alle sorelle ed alla madre, oltre alle lacrime versate per il marito le tocca aggiungerne altre per la spudoratezza con cui lui, unico figlio maschio, li mette in una posizione di vergogna per una convivenza senza matrimonio.

Nascono in lui ulteriori dubbi e tormenti.

Si pente della richiesta fatta al medico, e lo prega, in un altro colloquio, di donargli ancora ulteriori anni di vita. 

Affronta anche un viaggio a Venezia, in giornata, con la vedova francese, fatica a sopportarne la presenza…

I 5 finalisti al Premio Strega 2019

Ecco i nomi dei cinque autori finalisti al premio strega: Benedetta Cibrario, Marco Missiroli, Claudia Durastanti, Nadia Terranova, Antonio Scurati.
Molti di voi non saranno d'accordo sulla scelta. Per poter essere obiettivi bisognerebbe leggere tutti il romanzi in gara, impresa non facile, sia per il tempo, ma anche, diciamolo, per l'impegno economico, 25 libri da comprare.... Ma ho sempre fiducia nel giudizio della giuria dei lettori e mi auguro che le scelte siano sempre fatte con grande rispetto verso gli altri lettori.
Io non ho ancora letto nessuno dei  libri dei finalisti, ma sicuramente metto in lista come letture estive: La straniera di Claudia Durastanti e Addio fantasmi di Nadia Terranova., mi piace la sinossi dei loro romanzi.
Voi invece cosa leggerete?  Buona giornata amici ed amiche lettori.






Elisa Trapani

Carissimi amici ed amiche, lettori e lettrici di Carta il primo post del nuovo anno lo dedico ad una donna del passato, poco conosciuta e tanto dimenticata.
Voglio farvi conoscere un'autrice dal valore pari a Liala e Lucia Peverelli,  che in pochi conoscono e ricordano: Elisa Trapani. 
Anche lei come tanta altre autrici, rimane nell'oblio, non viene citata in nessun testo letterario come tante altre, colpevoli solo di essere donne e per questo il mondo letterario si sente autorizzato a bistrattarle e dimenticarle. 
Sono tante ed è questo il motivo che mi porta a ricordarle in questa piccola rubrica che mi auguro possiate apprezzare e magari anche voi rispolverare autrici della vostra regione per conoscerLe, apprezzarLe e riportarLe alla ribalta.
Elisa Trapani fu scrittrice e giornalista,  nacque a Marsala il 2/5/1906, frequentò la scuola e  si diplomò come maestra, nonostante la contrarietà della famiglia che non prevedeva l'istruzione della figlia femmina.  Nel 1925 la f…