Passa ai contenuti principali

"L'amore brucia come zolfo" di Lucia Maria Collerone.

Carissime amiche ed amici
questo fine settimana sarà denso di letture di romanzi. 
Finalmente sono alla pari con le richieste di recensioni, e potrò dedicarmi alle letture di altri autori. 

Ho anche in programma di postare alcuni articoli per qualche pagina che ho tralasciato in questi mesi.

Oggi vi presento un romanzo che ho in lettura, la cui recensione la presenterò in un altro sito con il quale collaboro: Cultura al femminile.

Il romanzo mi ha appassionato per la scrittura e per l'ambientazione: la "mia" Sicilia.

Il titolo del romanzo è: "L'amore brucia come zolfo" di Lucia Maria Collerone. 

Un romanzo storico ambientato tra due mondi diversi, quello povero delle zolfatare e quello ricco della nobiltà dei baroni. 
Una storia d'amore intensa che ...brucia  come zolfo.


Sinossi
Sicilia, all’indomani dello sbarco dei Mille. La storia prende l’avvio dal centro dell’isola, nella provincia di Caltanissetta, dove le miniere di zolfo dei baroni di Trabonella si accingono a diventare il primo centro in assoluto in Europa per l’estrazione del prezioso minerale, anche grazie alle moderne e innovative soluzioni tecniche introdotte dai facoltosi propietari. La forza lavoro, tuttavia, rimane quella senza età dei carusi, i poveri divaoli che lavorano in miniera per provvedere alle proprie disgraziatissime famiglie. In una di tali famiglie nasce Cecilia, la protagonista, che non è una semplice figlia delle brulle colline del capoluogo nisseno: suo padre Bartolo (all’anagrafe Bartolomeo) è in realtà il figlio del parroco del villaggio, a propia volta figlio del potente barone di M., avversario dei Trabonella. 
La nobile origine del prelato fa sì che in paese tutti tacciano sulla sua relazione incestuosa con la giovane e graziosa perpetua, ed entrambi i genitori crescono il figlio facendogli credere di essere un trovatello; peraltro, le nobili origini del ragazzo sono ben visibili dai tratti somatici, è biondo e con gli occhi chiari. Quando questi infine apprende chi siano i veri genitori, abbandono parroco e perpetua, rinuncia ai beni che gli spetterebbero per diritto, e si unisce alla triste sorte dei carusi, recandosi tutti i giorni alle miniere. Infine, sposa una giovane del popolo, con la quale dà vita a ben quattro figli, dei quali la rossa e altera Cecilia è la primogenita. Il nucleo familiare è alle prese con la vita durissima del lavoro in miniera, quando, infine, sopraggiunge l’ennesima disgrazia: Bartolo muore in un infausto incidente. 

Il Barone, in seguito all’avvenimento, decide di prendere a servizio le orfane dei deceduti, sorte che tocca anche a Cecilia. Con umiltà ed entusiasmo la giovane comincia a prestare servizio presso la casa del Barone, rivelandosi ben presto un’esperta ricamatrice. Attirato dalla sua bellezza e dalla sua abilità, il Barone se ne innamora.
Una storia apparentemente come tante, una Cenerentola di altri tempi...
Ma il patto che questo amore richiederà, diventerà ben presto insostenibile.


Commenti

Post popolari in questo blog

Il male oscuro di Giuseppe Berto

Il male oscuro di Giuseppe Berto
recensione a cura di 
Maria Lucia Ferlisi

il padre di Giuseppe Berto è gravemente ammalato è in procinto di entrare in sala operatoria per capire ben le origini del suo male, probabilmente un tumore. Il figlio parla con il primario, un noto luminare, per chiedergli di risparmiargli ulteriori dolori, vista anche l'età.

L'autore non è arrivato da solo, è in compagnia di una vedova, francese, e con lei dorme in una stanza d'albergo. Questo suscita ulteriore dolore alle sorelle ed alla madre, oltre alle lacrime versate per il marito le tocca aggiungerne altre per la spudoratezza con cui lui, unico figlio maschio, li mette in una posizione di vergogna per una convivenza senza matrimonio.

Nascono in lui ulteriori dubbi e tormenti.

Si pente della richiesta fatta al medico, e lo prega, in un altro colloquio, di donargli ancora ulteriori anni di vita. 

Affronta anche un viaggio a Venezia, in giornata, con la vedova francese, fatica a sopportarne la presenza…

I 5 finalisti al Premio Strega 2019

Ecco i nomi dei cinque autori finalisti al premio strega: Benedetta Cibrario, Marco Missiroli, Claudia Durastanti, Nadia Terranova, Antonio Scurati.
Molti di voi non saranno d'accordo sulla scelta. Per poter essere obiettivi bisognerebbe leggere tutti il romanzi in gara, impresa non facile, sia per il tempo, ma anche, diciamolo, per l'impegno economico, 25 libri da comprare.... Ma ho sempre fiducia nel giudizio della giuria dei lettori e mi auguro che le scelte siano sempre fatte con grande rispetto verso gli altri lettori.
Io non ho ancora letto nessuno dei  libri dei finalisti, ma sicuramente metto in lista come letture estive: La straniera di Claudia Durastanti e Addio fantasmi di Nadia Terranova., mi piace la sinossi dei loro romanzi.
Voi invece cosa leggerete?  Buona giornata amici ed amiche lettori.






Anime scalze di Fabio Geda

ANIME SCALZE DI FABIO GEDA
recensione a cura di Ferlisi Maria Lucia 






Ercole ha solo 15 anni, la vita non gli ha ancora regalato nulla, se non l'amore della sorella.

Il padre vive ai margini della legalità, si arrabatta come può per racimolare qualche soldo, questo comprende anche qualche furtarello.

La madre, drogata e senza più aspettative, è andata via senza salutare, o, indicare dove andasse, lasciando non solo il marito, ma anche i due figli ancora piccoli, a cui non aveva più niente da offrire. Ai due  figli sarebbe bastato un po' d'affetto, non volevano altro, non erano pretenziosi, tutt'altro, docili, silenziosi e autosufficienti già da piccolissimi.

Il ragazzino non sa che esistono famiglie unite, non sa cosa vuol dire casa, non conosce l'affetto paterno o materno. Lui è solo, come la sorella, in questa città, dove vive ai margini della povertà.

Ercole ed Asia sono due esseri invisibili per la società, consumistica in cui tutti viviamo..

abitavamo all&…