lunedì 12 dicembre 2016

Recensione: Le regole di Hibiki di Cristiano Pedrini

LE REGOLE DI HIBIKI
DI CRISTIANO PEDRINI

Hibi Green ha 18 anni, senza genitori ed un fratello dodicenne malato, da accudire. La vita non può certo essere facile a quest'età se rimani solo, senza più riferimenti,senza lavoro e con la disperazione nel cuore per tuo fratello. No, la vita non è facile per Hibi, soprannominato Hibiki, "dagli occhi verdi quella tonalità così insolita, simile al colore degli smeraldi più puri". La disperazione ti porta a fare azioni e d accettare compromessi che se almeno la madre fosse rimasta con loro, non sarebbe certo successo. Ma la vita è dura e per sopravvivere accetta di prostituirsi, diventa il ragazzo di "compagnia di un uomo facoltoso, e grazie alla tariffa alta che riceve riesce a comprare le medicine costose per Owen il fratello minore.
Il ragazzino è consapevole del grande sacrificio del fratello, "dimostra una maturità alla quale i suoi 12 anni non rendono giustizia", suo fratello sa tutto e cerca di trovargli un lavoro obbligandolo a presentarsi in uno studio legale come fattorino. Hibiki e riluttante, pensa che possa essere l'ennesimo rifiuto, ma non vuole deludere il ragazzo, con il quale ha stretto un patto di dirsi sempre la verità, niente segreti tra loro, poi dopo la morte della madre "seppur nati da padri differenti, avevano sviluppato un legame che la morte della madre aveva rafforzato oltre misura".

Hibiki si presenta al colloquio e l'ottiene, in modo quasi rocambolesco, infatti si era nascosto sotto una scrivania, per sfuggire allo sguardo di uno dei soci dello studio: Gregory, l'uomo facoltoso a cui "teneva compagnia".
Viene scovato dal proprietario Chris Page, 28 anni, uno degli avvocati londinesi più in vista.
Chris rimane ammaliato dagli occhi del ragazzo e decide di offrigli il lavoro e una buona paga.


Hibiki si dimostra da subito ribelle e indisponente, nonostante la necessità del lavoro, mostra da subito un atteggiamento forte e sicuro di se, forse anche alle sue regole, necessarie per sopravvivere in un mondo difficile e senza affetti. L'atteggiamento di Hibiki incuriosisce e il giovane avvocato, " Chirs non riesce a vederlo come tale. Anzi si rendeva conto che la curiosità verso di lui cresceva di ora in ora".
Questa forte amicizia che si stabilisce tra l'avvocato ed il fattorino, non viene accolta bene da Gregory che lo riconosce ed ha paura di essere scoperto per le sue relazioni omosessuali, ma non piace nemmeno agli altri soci. Il ragazzo subirà diverse angherie e anche attentati alla sua vita da parte dello staff, "odioso impiccione invadente..ed altre cosette che non mi sovvengono". Gregory spera: " i capricci che hanno origine dall'istinto sono tutti simili a fuochi fatui.."
Ma le attenzioni di Chris per Hibi sono sincere e forti, riescono a superare gli ostacoli che l'intero staff compie a danno del ragazzo per metterlo in cattivo luce, ma lui" importante avvocato, tra i più famosi e ricchi della città. è letteralmente ai suoi piedi".



Come finirà questa tenera storia d'amore al maschile? Hibiki sarà il ragazzo della sua vita? La loro storia riuscirà ad uscire indenne dai veri tentativi di dividerli da parte dei suoi soci?
Allora dovete leggere il libro di Cristiano Pedrini che con una scrittura leggera, delicata e pulita affronta un tema delicato, l'amore al maschile, che c'è, esiste ed è forte e romantico. lo scrittore riesce a descriverlo senza fronzoli, con una scrittura chiara, a tratti romantica, a tratti ironica. Lo scrittore riesce a farci arrivare alla fine del racconto con il sorriso e la delicatezza dei romanzi rosa.

"Molti pensano che ognuno di noi sia sempre alla ricerca di se stesso e di ciò che lo rende completo, forse perché si sente privo di qualcosa".
Ecco in questa frase si racchiude il senso di ogni storia d'amore, al maschile o al femminile, non importa, ciò che rende un amore perfetto si trova soltanto nel completamento della ricerca della nostra metà che ci manca per essere veramente noi stessi.

SINOSSI

LE REGOLE DI HIBIKI

Hibiki vive a Londra, ha diciotto anni, una vita difficile alle spalle e Owen, il suo fratellino dodicenne e malato di cui prendersi cura.
Da quando è morta la loro madre e sono rimasti soli il compito del fratello maggiore è di occuparsi della casa e delle loro vite e per questo si prostituisce, almeno fino a quando Owen non lo prega di smettere. È così che troverà lavoro come fattorino per un grande studio dove conoscerà Chris, uno dei più grandi avvocati di Londra, ricco e importante uomo d’affari che sembra irraggiungibile, ma che al tempo stesso pare subito interessato a quello sfacciato, ragazzino che tiene sempre la testa alta e non si fa mettere i piedi in testa da nessuno.
Tra sentimenti, azione, pericoli, grandi passioni e grande avventure, si dipanerà la grandiosa storia di Hibiki e del suo amore contrastato e proibito, che cattureranno il lettore catapultandolo in un’incredibile avventura carica di phatos e sentimenti, di avventure e di emozioni.


https://www.amazon.it/regole-Hibiki-Auto-fe-ebook/dp/B01K82OGQ8


BIOGRAFIA


Cristiano Pedrini


Nato negli anni settanta, lavoro dal 1998 in una biblioteca della provincia di Bergamo e come tutti ho i miei infiniti difetti, tanto che mi considero un perfetto imperfetto…
Nel mese di agosto del 2014 ho iniziato quella esaltante e incredibile avventura che è la scrittura Qualcosa che mi spinge a ritrovare me stesso, a fare i conti con ciò che sei ed a immaginarti un mondo diverso, forse migliore o forse peggiore, a seconda degli occhi di chi vede e legge ciò che esprimi…

Nessun commento:

Posta un commento

La vita altrove di Guadalupe Nettel

 La vita Altrove di Guadalupe Nettel Impressioni di Maria Lucia Nel libro di Guadalupe Nettel sono racchiusi otto racconti. Otto storie il c...

Informazioni personali

La mia foto
Lettrice accanita, scrittrice irregolare, gestisco un blog, una pagina ed un gruppo sempre con lo stesso nome: La Lettrice di carta. Amo i personaggi femminili e maschili tormentati, quelli che hanno un passato duro da raccontare, ma da buona lettrice non disdegno altri generi letterari. Non credo che possa esserci un libro brutto, ogni romanzo troverà sempre il suo lettore a cui la storia piacerà. Il mio romanzo preferito: Storia di una capinera di G. Verga.